Apple e iPhone 7: pro e contro di una crisi di identità

Ecco il nostro parere sul nuovo iPhone 7 (Pro e Contro)

Apple e iPhone 7: pro e contro di una crisi di identità

Prima di iniziare con l’articolo su iPhone 7 vorrei premettere che non sono mai stato un fan della mela, semplicemente perchè penso ad un altro tipo di tecnologia, ma voglio guardare a questo articolo con gli occhi di persone che ci hanno creduto per anni. In sostanza questa è una testimonianza di quello che ho potuto raccogliere da amici e parenti. Ora passiamo all’articolo.

Apple e iPhone 7: pro e contro di una crisi di identità

Apple e iPhone

Apple, 9 gennaio 2007, Steve Jobs presenta il primo iPhone al Macworld. Settembre 2016, iPhone 7. Cominciamo dal principio, Apple. Una azienda che è stata capace di rivoluzionare il settore mobile, con stile. All’utente medio non interessano Custom ROM, CPU, GPU, ma bensì, l’usabilità di qualcosa che deve facilitare la loro vita, questa è stata sempre la forza di iPhone. Quando chiedi ad un possessore di uno smartphone Apple, come si trova, lui ti risponderà, “funziona”. Questo è iPhone.

Novità: pro e contro dell’ iPhone 7

Quest’anno, diciamocelo, aspettative rivoluzionarie erano già presenti nell’aria, anche tra i più fedeli, tra quelli che quel telefono volevano vederlo funzionare come piace a loro, come sono stati abituati, ma con quella briciola di tecnologia in più. Anche i meno propensi allo sviluppo tecnologico, sentono ormai l’esigenza di un passo avanti, per comodità, per scelta, di ciò che utilizzano di più, lo smartphone. Ora arriviamo a settembre 2016: iPhone 7, nuovo ed impermeabile(certificazione I67)

Design

Iniziamo parlando del design, il primo punto no di questo iPhone. Troppo simile alle versioni precedenti 6 e 6S, rimane in secondo piano, mentre doveva essere il vero protagonista del Keynote Apple. I cambiamenti non sono radicali, a parte la cornice sostitutiva delle antenne ed un colore aggiuntivo, che a mio avviso raccoglie troppe ditate ed inoltre è disponibile solo con la versione da 128 GB, ciò potrebbe risultare un contro non indifferente per alcuni utenti, visto il costo maggiore, rispetto alla versione “standard”.

Questo modello è il Jet Black, ma che non ha tutti fattori negativi. Apple ha avuto sempre un occhio di riguardo per lo stile, infatti il trattamento dei materiali e dei dettagli dello smartphone sono eccellenti, quasi da lode, proprio per far contraddistinguere la mela e conferirle quell’aspetto premium, che ogni hanno vuole dimostrare. Ovviamente c’è stato un miglioramento di CPU e GPU, ma che comunque su iPhone 6S non avevano dato problemi, i possessori di quest’ultimo non credo sentiranno la differenza dopo un upgrade.

Fotocamera

Una novità interessante è invece la fotocamera. Sensore da 12 MP, si passa ad una apertura focale 1.8, accompagnata da una stabilizzazione ottica, già implementata su iPhone 6S Plus e credo sarà interessante come avranno migliorato ancora questo aspetto.Apple e iPhone 7: pro e contro di una crisi di identità Altra novità, la doppia fotocamera. Sicuramente un pro non da pochi, anche se già visto su modelli di aziende concorrenti. Una novità che solo i possessori di iPone 7 Plus potranno permettersi, con un costo notevolmente superiore. Non capisco a pieno questa scelta di Apple, probabilmente si iniziano a sentire le differenze con la versione PLus, vera “top di gamma”.

Oltre allo scatto grandangolare(che monta già iPhone 7), un’ottima implementazione a mio avviso, è lo zoom ottico 2x, che garantiranno sicuramente una resa migliore. E’ stata anche aggiunta la funzione “Portrait”, che consente ottenere degli ottimi primi piani, con sfondo sfocato, solitamente difficile da realizzare con un telefono, dato che presenta poca profondità di campo, probabilmente possibile grazie all’utilizzo combinato delle due fotocamera, mettendo a fuoco de punti diversi.

Taptic Engine

Altra novità, il Taptic engine, nulla di nuovo, lo stesso sul Macbook(12 pollici) e su Apple Watch, consente di “simulare” la pressione del tasto home, attraverso dei feedback aptici, un motore a vibrazione lineare per sensazioni.

Apple e iPhone 7: pro e contro di una crisi di identità

 

EarPods, niente jack

Arriviamo adesso all’argomento tanto discusso, le cuffiette, EarPods. Apple si è sempre distinta per l’innovazione, ma credo che questa volta si stia contraddicendo. L’eliminazione del jack da 3.5 può essere stata un azzardo, sostituirlo con la porta lightning impedirebbe la ricarica durante l’ascolto, ma infine, perchè dotare la confezione di un adattatore? Ovviamente questo all’utenza farà sicuramente piacere, ma pensiamo in vista del futuro, la tecnologia wireless sarà inevitabile e Apple si è lanciata verso questo mondo, ma con questo adattatore sembra quasi contraddirsi.Apple e iPhone 7: pro e contro di una crisi di identità

Inoltre le EarPods wireless avranno una cifra molto elevata, si parla di oltre centocinquanta euro, la loro qualità sarà da provare. Batteria interna e si ricaricano grazie alla baasetta. Un ottimo dettaglio, è che dispongono di un chip capace di connettere le cuffiette a più dispositivi, come iPhone ed Apple Watch, rimanendo sempre collegato, questo evita di effettuare il pairing continuamente.

Apple e iPhone 7: pro e contro di una crisi di identità

Delusione? Le novità ci sono, ma forse non quello che chiedevano gli utenti e che il resto del mercato propone ormai da anni e a cui le persone hanno iniziato ad abituarsi, faccio l’esempio dell’NFC. Apple non ci strappa più quello sguardo meravigliato come in quel gennaio 2007.

 

[alert variation=”alert-success”]Rimani sempre aggiornato sulle nostre recensioni leggendo la nostra sezione dedicata o non perderti neanche un’aggiornamento sull’ iPhone 7 cliccando qui.[/alert]

Spero che la nostra guida sul nuovo iPhone 7 sia stata utile. Facci sapere con un commento!

Dove posso comprarlo?

Puoi comprare il nuovo iPhone 7 dal nostro partner Grepair.it

Redazione Autore