Recensione Filtro per Rumore – Ground Loop Isolator Aukey (GI-L1)

Recensione Filtro per Rumore – Ground Loop Isolator Aukey (GI-L1)

La nostra recensione del filtro per rumore Aukey GI-L1 Utilizzando spesso cavi per unire e collegare sistemi audio fra di loro, è normale che si verifichino episodi di rumore o interferenza del suono, causati dal passaggio del suono da un dispositivo all’altro. La soluzione a questo problema è il filtro per rumore Aukey GI-L1 un piccolo adattatore che vi farà ascoltare la vostra musica preferita senza alcun fastidio o rumore di sottofondo. Ancora una volta la casa Aukey sforna un attrezzo utile e poco costoso che può essere utile in molti casi. L’ Aukey GI-L1 è forse fra i migliori filtri per rumore in circolazione, e se leggerete la nostra recensione fino alla fine capirete il perchè. Come funziona l’ Aukey GI-L1 Il funzionamento dell’ Aukey GI-L1 è molto semplice ed intuitivo. Nella scatola troverete il filtro per rumori e un cavo jack-jack per collegare il filtro al dispositivo. Infatti basterà inserire il cavo jack nel filtro e dopodiché attaccare l’ altra estremità al dispositivo da cui uscirà il suono ed il gioco è fatto! Ora farà tutto il filtro per rumori che andrà a eliminare le interferenze e i rumori malevoli. Devo ammettere che all’inizio ero molto scettico a riguardo anche perchè un filtro a questo prezzo pensavo fosse di bassa qualità, ma mi sono dovuto ricredere e ora posso affermare con sicurezza che questo filtro per rumori Aukey è davvero grandioso. Ormai lo uso in macchina quando collego il mio telefono al canale AUX della radio. Il suono ora è davvero limpido e pulito senza alcun rumore di sottofondo e posso godermi la musica senza problemi. Design e Materiali dell’ Aukey GI-L1 I materiali...
Francesco Gabbani vince Sanremo: ecco il testo di Occidentali’s Karma

Francesco Gabbani vince Sanremo: ecco il testo di Occidentali’s Karma

Francesco Gabbani vince Sanremo: ecco il testo di Occidentali’s Karma. Al secondo posto troviamo Fiorella Mannoia e al terzo Ermal Meta Francesco Gabbani ha vinto il 67esimo Festival di Sanremo con l’innovativa e originale Occidentali’s Karma, seguito al secondo posto da Che sia benedetta di Fiorella Mannoia e al terzo da Vietato morire di Ermal Meta. Il testo di Occidentali’s Karma di Francesco Gabbani: Essere o dover essere Il dubbio amletico Contemporaneo come l’uomo del neolitico. Nella tua gabbia 2×3 mettiti comodo. Intellettuali nei caffè Internettologi Soci onorari al gruppo dei selfisti anonimi. L’intelligenza è démodé Risposte facili Dilemmi inutili. AAA cercasi (cerca sì) Storie dal gran finale Sperasi (spera sì) Comunque vada panta rei And singing in the rain. Lezioni di Nirvana C’è il Buddha in fila indiana Per tutti un’ora d’aria, di gloria. La folla grida un mantra L’evoluzione inciampa La scimmia nuda balla Occidentali’s Karma. Occidentali’s Karma La scimmia nuda balla Occidentali’s Karma. Piovono gocce di Chanel Su corpi asettici Mettiti in salvo dall’odore dei tuoi simili. Tutti tuttologi col web Coca dei popoli Oppio dei poveri. AAA cercasi (cerca sì) Umanità virtuale Sex appeal (sex appeal) Comunque vada panta rei And singing in the rain. Lezioni di Nirvana C’è il Buddha in fila indiana Per tutti un’ora d’aria, di gloria. La folla grida un mantra L’evoluzione inciampa La scimmia nuda balla Occidentali’s Karma. Occidentali’s Karma La scimmia nuda balla Occidentali’s Karma. Quando la vita si distrae cadono gli uomini. Occidentali’s Karma Occidentali’s Karma La scimmia si rialza. Namasté Alé Lezioni di Nirvana C’è il Buddha in fila indiana Per tutti un’ora d’aria, di gloria. La folla...
Sanremo 2017: il testo de Il Diario degli errori di Michele Bravi

Sanremo 2017: il testo de Il Diario degli errori di Michele Bravi

Sanremo 2017: il testo de Il Diario degli errori di Michele Bravi. Il brano, in gara nella sezione Big del Festival, è nella Top5 dei brani più scaricati da iTunes Michele Bravi ha presentato ieri sera sul Palco del Teatro Ariston di Sanremo 2017 il suo inedito Il Diario degli errori (scritto da Cheope, Federica Abbate e Giuseppe Anastasi), brano in gara nella sezione Big del Festival di Sanremo 2017. “Il Diario degli errori” ha ottenuto fin da subito ottimi consensi dal pubblico e dalla critica ed è salito subito nella Top5 dei brani più scaricati da iTunes (quarto brano tra i sanremesi). Oltre ad itunes il brano è disponibile in tutti gli store digitali http://lnk.to/diario. È da poco online su VEVO anche il video di Il Diario degli errori di Michele Bravi. Ho lasciato troppi segni Sulla pelle già strappata Non c’è niente che si insegni prima Che non l’hai provata Sono andato sempre dritto come un treno Ho cercato nel conflitto La parvenza di un sentiero Ho sempre fatto tutto in un modo solo mio E non ho mai detto resta se potevo dire addio Poche volte ho dato ascolto a chi dovevo dare retta Ma non ne ho tenuto conto Ho sempre avuto troppa fretta Almeno tu rimani fuori Dal mio diario degli errori Da tutte le mie contraddizioni Da tutti i torti e le ragioni Dalle paure che convivono con me Dalle parole di un discorso inutile Almeno tu rimani fuori Dal mio diario degli errori Ho giocato con il fuoco E qualcuna l’ho anche vinta Ma ci è mancato poco Mi giocassi anche la...
Festival di Sanremo 2017: il testo di Portami via di Fabrizio Moro

Festival di Sanremo 2017: il testo di Portami via di Fabrizio Moro

Festival di Sanremo 2017: il testo di Portami via di Fabrizio Moro, da cui scritto e inserito nel nuovo album d’inediti Pace. FABRIZIO MORO è in gara al Festival di Sanremo 2017, nella sezione Campioni, con “PORTAMI VIA”, brano di cui è autore e che sarà contenuto nel suo nuovo album d’inediti “PACE” (Sony Music Italy), in uscita il 10 marzo e da oggi in pre-order su Amazon e iTunes al link: https://lnk.to/FM-Pace Il testo di PORTAMI VIA di FABRIZIO MORO al Festival di Sanremo 2017 Tu portami via Dalle ostilità dei giorni che verranno Dai riflessi del passato perché torneranno Dai sospiri lunghi per tradire il panico che provoca l’ipocondria Tu portami via Dalla convinzione di non essere abbastanza forte Quando cado contro un mostro più grande di me Consapevole che a volte basta prendere la vita cosi com’è Cosi com’è Imprevedibile Portami via dai momenti Da questi anni invadenti Da ogni angolo di tempo dove io non trovo più energia Amore mio portami via Tu portami via Quando torna la paura e non so più reagire Dai rimorsi degli errori che continuo a fare Mentre lotto a denti stretti nascondendo l’amarezza dentro a una bugia Tu portami via Se c’è un muro troppo alto per vedere il mio domani E mi trovi lì ai suoi piedi con la testa fra le mani Se fra tante vie d’uscita mi domando quella giusta chissà dov’è Chissà dov’è È imprevedibile Portami via dai momenti Da tutto il vuoto che senti Dove niente potrà farmi più del male ovunque sia Amore mio portami via Tu Tu sai comprendere Questo silenzio che...
Sanremo 2017: il testo de Il conforto di Tiziano Ferro e Carmen Consoli

Sanremo 2017: il testo de Il conforto di Tiziano Ferro e Carmen Consoli

Sanremo 2017: il testo de Il conforto di Tiziano Ferro e Carmen Consoli. Il brano fa parte dell’album Il mestiere della vita A due anni di distanza Tiziano Ferro torna sul palco dell’Ariston di Sanremo 2017 come super ospite al fianco di Carmen Consoli per cantare a doppia voce Il conforto. Il conforto fa parte dell’album Il mestiere della vita, che i due artisti di grande fama hanno realizzato insieme e che ha emozionato i milioni di telespettatori presenti davanti allo schermo per Sanremo 2017. Il testo di Il conforto, cantata a Sanremo 2017 da Carmen Consoli e Tiziano Ferro: Se questa città non dorme Allora siamo in due Per non farti scappare Chiusi la porta e consegnai la chiave a te Adesso sono certa della differenza tra Prossimità e vicinanza Eh, è il modo in cui ti muovi In una tenda in questo mio deserto Sarà che piove da luglio Il mondo che esplode in pianto Sarà che non esci da mesi Sei stanco e hai finito i sorrisi soltanto Per pesare il cuore con entrambe le mani ci vuole coraggio E occhi bendati, su un cielo girato di spalle La pazienza, casa nostra, il contatto, il tuo conforto Ha a che fare con me È qualcosa che ha a che fare con me Se questa città confonde Allora siete in due Per non farmi scappare Mi chiuse gli occhi e consegnò la chiave a te Adesso sono certo Della differenza tra distanza e lontananza Sarà che piove da luglio Il mondo che esplode in pianto Sarà che non esci da mesi Sei stanco e hai finito i...
Sanremo 2017: il testo di Che sia benedetta di Fiorella Mannoia

Sanremo 2017: il testo di Che sia benedetta di Fiorella Mannoia

Sanremo 2017: il testo di Che sia benedetta di Fiorella Mannoia. La stessa cantante definisce il suo brano “un inno alla vita” A distanza di 29 anni dalla sua ultima partecipazione in gara al Festival di Sanremo, nella serata di ieri Fiorella Mannoia è tornata sul palco dell’Ariston di Sanremo 2017 con CHE SIA BENEDETTA (il testo è di Amara e Salvatore Mineo e la musica di Amara), un brano che la stessa Fiorella definisce un “inno alla vita”. Il testo di CHE SIA BENEDETTA di Fiorella Mannoia: Ho sbagliato tante volte nella vita Chissà quante volte ancora sbaglierò In questa piccola parentesi infinita quante volte ho chiesto scusa e quante no è una corsa che decide la sua meta quanti ricordi che si lasciano per strada quante volte ho rovesciato la clessidra questo tempo non è sabbia ma è la vita che passa passa che sia benedetta per quanto assurda e complessa ci sembri la vita è perfetta per quanto sembri incoerente e testarda se cadi ti aspetta siamo noi che dovremmo imparare a tenercela stretta tenersela stretta siamo eterno siamo passi siamo storie siamo figli della nostra verità e se è vero che c’è un dio e non ci abbandona che sia fatta adesso la sua volontà in questo traffico di sguardi senza meta in quei sorrisi spenti per le strade quante volte condanniamo questa vita illudendoci d’averla già capita non basta non basta che sia benedetta per quanto assurda e complessa ci sembri la vita è perfetta per quanto sembri incoerente e testarda se cadi ti aspetta siamo noi che dovremmo imparare a tenercela stretta tenersela...