Come ottimizzare le immagini per avere un sito web performante?

Ogni sito web è accompagnato da una serie di immagini, che possono raccontare al meglio il contenuto del testo, ma anche invitare le persone ad approfondire l’argomento. Le immagini di un sito sono un fattore chiave per coinvolgere un utente e anche per migliorare le tue performance sul web. Ovviamente per arrivare a tutto ciò è opportuno capire in che modo ottimizzare le immagini per evitare che rallentino la velocità di caricamento del sito. Considera che quasi il 40% degli utenti abbandona una piattaforma a causa dei tempi di attesa eccessivi legati proprio al caricamento.

Vuoi scoprire in che modo puoi migliorare le prestazioni complessive di un tuo sito web partendo dalle immagini? Lo scopriremo insieme di seguito!

Cosa vuol dire ottimizzare un’immagine sul sito e come si fa?

Partiamo dalle basi: questo processo serve per regolare una foto web di alta qualità e renderla utilizzabile considerando risoluzione, dimensioni e formato. Il tutto puntando su file che siano il più piccolo possibile. Grazie a un’attenta regolazione si potrà migliorare le prestazioni e il posizionamento di un sito Web. E soprattutto si potrà migliorare la velocità del sito e le sue performance, anche a livello SEO.

Quali sono i vantaggi

  • Consumare meno spazio di archiviazione e minor larghezza di banda per trasferire correttamente i file ai browser. Anche l’utente ottiene dei benefici perché non dovrà attendere troppo tempo per caricare le pagine;
  • I siti che si caricano velocemente hanno maggior attenzione da parte di Google. Ciò accade perché il motore di ricerca ha resto questo aspetto una componente fondamentale per il suo algoritmo di ranking e quindi per scalare le classifiche;
  • Migliori l’esperienza utente, rendendo anche più facile la navigazione sul sito. Così i visitatori saranno interessati a restare più a lungo sul tuo sito per vedere cosa fai e ciò che offri.

Suggerimenti utili per ottimizzare le immagini nel sito

Questa fase richiede l’inserimento di testi alternativi da applicare alle tue immagini nel sito. Ma prima di arrivare a tale punto vediamo come procedere passo per passo!

1. Scegli il formato

Prima di tutto devi sapere che esiste una classificazione tra vettoriali e raster. Le prime (SVG, PDF, EPS e AI) sono buone perché si possono ridimensionare senza compromettere la qualità. Le seconde (JPEG, PNG, GIF e RAW) si basano sui pixel, il che le rende dipendenti dalla risoluzione. Quindi se vai a ridurle perdono qualità e possono diventare sfocate. Sicuramente il formato più diffuso di tutto è il JPEG perché permette di garantire un buon compromesso tra velocità di caricamento e una qualità discreta.

2. Comprimi le immagini del sito

Si tratta di una fase importante perché non solo riduce l’utilizzo dello spazio di archiviazione, ma anche dei tempi di caricamento di una pagina. Quando procedi con la compressione ricorda che se le dimensioni dei file sono troppo piccole comportano una qualità inferiore. Considera che le immagini raster rispetto alle vettoriali permettono di utilizzare tecniche di compressione con o senza perdita di dati.

3. Sceglie le giuste dimensioni

L’utilizzo di immagini con dimensioni errate è un processo che rallenterà la velocità di caricamento e compromette quindi le tue performance. Per evitare problemi dovresti cercare di offrire immagini in scala  che si adattano alle dimensioni esatte richieste dal sito. Questo passaggio può essere effettuato con strumenti di editor immagini come Photoshop o GIMP.

4. Hai mai pensato alle immagini su CDN

In alternativa puoi utilizzare una rete per la distribuzione dei contenuti al fine di fornire file statici che miglioreranno le tue performance sul web. Ciò vuol dire non affidarsi a un classico server per trasportare i megabyte dei dati: una CDN offre una rete di portata globale. Andrà a memorizzare nella cache il contenuto richiesto e lo consegna da una posizione geografica più vicina al visitatore per fare in modo che il percorso sia più breve.

Aggiungi i testi alternativi sulle immagini del sito

Nominare correttamente una foto e qualsiasi file permette ai motori di ricerca come Google di  individuare rapidamente le foto. Un nome completo fornisce il contesto sulle foto e aumenta le possibilità di classificarle nella ricerca di Immagini. Non lasciare i nomi predefiniti ma se stai per condividere una foto di un vaso pieno di rose, potrebbe essere untile rinominare il file in “vaso_di_fiori_con_rose_rosse.jpeg”.

A questo punto, l’aggiunta di testo alternativo è un’altra tecnica importante per ottimizzare le tue immagini e aumentare la SEO. Praticamente devi aggiungere una descrizione del contesto della foto per avere un vantaggio rispetto alla concorrenza. Pensa che nel 2021 circa il 26% delle foto non aveva testi alternativi.

Speriamo che questi suggerimenti possano aiutarti a compiere delle scelte giuste, sfruttando così tutti i vantaggi dell’ottimizzazione di immagini sul sito.