Com’è cambiato il modo di giocare degli italiani?

Che cosa può venire in mente quando si parla di gioco in generale? Molto probabilmente, se si fa andare indietro nel tempo la propria mente, allora è molto facile che ci si trovi a ripensare a quelli che si possono definire “i bei giochi di una volta”.

Magari un po’ datati, ma sempre ricchi di un fascino che non ha eguali e che hanno rappresentato il modo di svagarsi e di intendere il tempo libero delle generazioni nate dopo la Seconda Guerra Mondiale. Un po’ come in un film neo realista si avvicendano dunque immagini mentali che rappresentano dei bambini e dei ragazzi intenti a giocare a nascondino, a guardie e ladri, alle biglie, a pallone, a campana e così via.

Senza poi dimenticare l’utilizzo dei “giocattoli di fortuna” per chi aveva pochi soldi e per avere la certezza di trovarsi tra le mani un prodotto particolarmente resistente nonostante fosse economico. Oltre ai sempreverdi soldatini ci potevano dunque essere trattori e veicoli in miniatura fatti in legno o in latta, fucili e pistole di legno, bambole di stoffa, cerchi della bici da portare in giro con una stecca di metallo e tanti altri ancora.

Andando poi avanti nel tempo, incluso quello strettamente di carattere meteorologico, c’è stato il momento dei giochi da tavola o quelli da fare in casa quando il tempo fuori non era dei più clementi. Va bene prendersi a palle di neve durante l’inverno, ma quando l’autunno è segnato da forti piogge e l’estate da temperature bollenti e non si può andare al mare o al lago, allora capirete bene come era importante passare “al riparo” alcune ore della giornata.

Scacchi, dama, Monopoli, il Gioco dell’Oca, dadi, carte da gioco, carte da briscola (o da scopa se preferite) ed altri ancora hanno dunque caratterizzato le vite dei bambini di allora mantenendo, comunque, tutto il loro fascino anche per i bambini di oggi. Chi non ha mai giocato a Forza Quattro, Indovina Chi?, L’Allegro Chirurgo e simili?

Poi si potrebbe aprire anche il capitolo videogiochi, ma tutti noi sappiamo che sarebbe lungo quanto l’infinito quindi passiamo direttamente ad un’altra categoria, quella dei giochi d’azzardo. Riservati ovviamente agli utenti più adulti, al giorno d’oggi si è potuta notare una vera e propria evoluzione rispetto alle partite a carte al bar oppure al trovarsi presso i centri scommesse.

Infatti, tutto quello che serve agli appassionati di gioco d’azzardo ed agli scommettitori, è un telefono. Esatto, uno smartphone che contiene tutte le varie App Android per scommettere su qualunque evento sportivo si voglia. Ma facciamo dunque qualche piccolo esempio per capirci un po’ meglio.

Con l’App Casinò si potrà ricreare l’atmosfera classica dei casinò e dei suoi giochi in live, con l’App Virtual ci si potrà godere tutte le emozioni che le varie discipline sportive sono in grado di dare, con l’App Lotterie si potrà giocare alle varie schedine senza andare al tabacchino e così via.

Ovviamente vi ricordiamo che, per quanto facile possa essere, non fatevi prendere la mano e giocate sempre in modo responsabile!

Redazione Autore