Come eseguire il Root di tutti i dispositivi Android

Come eseguire il root su Galaxy S7, LG G5, HTC, Nexus, OP3 ma anche su qualsiasi telefono dotato di sistema operativo Android

Trucchi e consigli su come avere i permessi di sistema su qualsiasi telefono Android

Per chi è nuovo al mondo del root, acquisendo l’accesso come root, in sostanza, si concedono autorizzazioni elevate. Con l’accesso del root, si è in grado di accedere e modificare i file che normalmente sarebbero inaccessibili, come i file memorizzati sui / dati e / partizioni di sistema. Avere accesso root permette anche di eseguire una classe completamente diversa di applicazioni di terze parti e di applicare modifiche in profondità, a livello di sistema.

E per delega, si può anche accedere ad alcune funzioni della periferica che altrimenti sarebbero inaccessibili o utilizzare le funzionalità esistenti in modo nuovo.

Avere accesso root non è la fine tutto, ma sarà tutto il dispositivo di modificato dopo il bootloader completamente sbloccato e S-Off. Detto questo, l’accesso al root è generalmente il primo passo lungo il percorso verso la modifica del dispositivo. Come tale, l’accesso come root viene spesso utilizzato per installare recuperi personalizzati, che poi possono essere utilizzati per installare ROM personalizzate, kernel, e altre modifiche dei dispositivi.

Accesso root permette inoltre agli utenti di installare il potente e versatile Xposed, che a sua volta agisce come un gateway, capace di “modificare il dispositivo senza distruggerlo”.

Grazie alla sua potenza intrinseca, avere accesso root è spesso pericoloso. Per fortuna, ci sono applicazioni di intermediazione a radice come SuperSU che concedono l’accesso come root alle applicazioni di tua scelta. Ci sono anche diversi programmi di utilità di root abilitato a disposizione per aiutare a ripristinare nel caso in cui qualcosa va storto.

Come fare il root su qualsiasi dispositivo Android

Per cominciare, è possibile utilizzare qualsiasi numero di strumenti di backup dell’applicazione di root abilitati per eseguire il backup delle applicazioni e dei loro dati al vostro storage locale, il PC, e anche cloud storage on-line. E in combinazione con un recupero personalizzato, gli utenti radicate sono in grado di eseguire un backup Nandroid a livello di sistema completo che richiede essenzialmente una fotografia istantanea del vostro smartphone o tablet corrente in un determinato momento. Siamo in grado di andare avanti sulle virtù di un accesso root all’infinito, ma ci fermeremo per ora. Passiamo invece alla lista dei root.

Framaroot

Molti dispositivi possono essere rootati usando questa applicazione. Puoi trovare Framaroot in questa discussione.

Towelroot

Creato da XDA Developer Riconosciuto anziano Chainfire, CF-Auto-Root è una radice per “principianti” root  e coloro che vogliono mantenere il dispositivo il più possibile alla versione di fabbrica. CF-Root è pensato per essere utilizzato in combinazione con firmware stock Samsung così come i dispositivi Nexus, e il modo più semplice e veloce per la vostra prima radice. In sostanza, non fa altro che installare e attivare SuperSU sul vostro sistema, in modo da applicazioni possono ottenere l’accesso root.

KingRoot

KingRoot è il root per le persone che vogliono semplicemente avere accesso root ai loro dispositivi, e non necessariamente vogliono nulla in più. Funziona su quasi tutti i dispositivi dalla versione Android 2.x alla 5.0. Lavorando di KingRoot è basato sul sistema exploit. Il più idoneo verrà distribuito dal cloud al dispositivo in base alle informazioni ROM sul dispositivo. La parte migliore di questo metodo di root è che non inciampa in KNOX e ha la capacità di gestire perfettamente Sony_RIC.

Per sapere come fare il root per ogni dispositivo, vi riporto al link di xda developers: http://www.xda-developers.com/

Spero che questa guida su Come eseguire il Root di tutti i dispositivi Android sia stata utile. Fatecelo sapere con un commento!

Redazione Autore